Dal 4 all’11 ottobre l’anima culinaria dell’Argentina inebria il passaggio dei viaggiatori nell’area di imbarco e transito E dell’aeroporto romano di Fiumicino. L’iniziativa nasce da una collaborazione tra l’ambasciata della Repubblica argentina in Italia, Aeroporti di Roma e Plaza Premium Lounge.

fiumicino cucina argentina


Fiumicino non è nuovo in fatto di location albiceleste. Dallo scorso anno lo scalo romano ospita El Abrazo un’opera di Alejandro Marmo – il primo creatore argentino a esporre nei Musei Vaticani con Cristo obrero e Virgen de Luján – realizzata appositamente dallo scultore argentino.

fiumicino cucina argentina alejandro marmo


Si tratta di un ‘viaggio’ nei sapori della cucina argentina che i passeggeri in transito potranno scoprire a cominciare dai ‘fondamentali’ come yerba mate, dulce de lece, dulce de batata e dulce de membrillo. Il tutto rivisitato dalle mani degli chef Cristiano Catapano, Laura Marciani, Dino De Bellis e il maestro pasticcere Giovanni Cagnazio, che hanno il delicato compito di abbinare l’eccellenza dei prodotti Doc della cucina italiana alle ricette tipiche del paese sudamericano.


Fiumicino, ovviamente, non è un caso. Come sottolineato dagli addetti ai lavori, negli ultimi 3 anni c’è stato un costante aumento della mobilità tra Italia e Argentina arrivando alla cifra di 250mila passeggeri nei primi otto mesi dell’anno in corso. Vale a dire una crescita di oltre il 30 per cento rispetto allo stesso periodo del 2016.

Dal Leonardo Da Vinci partono due voli giornalieri che collegano Roma con Buenos Aires operati da Alitalia e da Aerolíneas Argentinas. E l’ambasciatore argentino a Roma, Tomás Ferrari, non esclude la possibilità di tentare l’operatività di un terzo volo giornaliero dal prossimo anno.

Italia-Argentina, “El abrazo” di Alejandro Marmo esposto nell’aeroporto di Fiumicino. “Un ponte tra due continenti”