“Pensavo che non mi avresti salvato perché sono nero”. È la prima cosa che un bambino senegalese di dieci anni ha detto alla bagnina dopo essere stato strappato al mare agitato che lo stava inghiottendo. Parole che indicano con chiarezza qual è la percezione delle condizioni in cui versa l’attuale società.

Macarena Cabrujo bagnina argentina bambino senegalese razzismo


È successo su una spiaggia di Palma de Maiorca dove una ‘salvavida’ argentina, la 25enne Macarena Cabrujo, viene ora descritta come una sorta di eroina. Ma, al di là del gesto, coraggioso anche se rientra nella sua missione, anche le sue parole hanno fatto riflettere.

Macarena Cabrujo bagnina argentina bambino senegalese razzismo


Era sabato 27 luglio e Macarena aveva terminato il suo orario di servizio, decidendo di fermarsi sulla spiaggia di Ca’n Pere Antoni per giocare a beachvolley. In quelle ore le autorità locali avevano alzato la bandiera gialla e rossa per le cattive condizioni del mare. Un bagnino responsabile, però, resta comunque vigile.

Macarena Cabrujo bagnina argentina bambino senegalese razzismo


E difatti Macarena si è accorta che il bimbo stava affogando nei pressi delle boe, a 200 metri dalla costa. Si è subito tuffata, nonostante il mare agitato, pur non rimediando all’istante i dispostivi galleggianti di soccorso. “Aggrappati a me, usciamo dal mare insieme”, gli dice per tranquillizzarlo appena raggiunto.

Macarena Cabrujo bagnina argentina bambino senegalese razzismo


Si assicurano alle boe, mentre la bagnina argentina si rende conto che né in acqua né sulla terraferma c’era traccia di squadre di soccorso. È il quel momento che il piccolo la guarda e le dice: “Pensavo che non mi avresti salvato perché sono nero”. “Sei bello, sono venuto a salvarti”, è stata la risposta tranquillizzante della 25enne.


“Se un ragazzino di dieci anni arriva a pensare questo è la sconfitta della società”, è stato il commento di Macarena ai media che hanno voluto raccontare l’accaduto. Un fatto che non arriva alle cronache di mezzo mondo – ne stanno parlando in diversi paesi – ma per la forza impattante delle parole del piccolo senegalese. “L’ho riempito di baci assicurandoci che saremmo usciti insieme” dal mare in tempesta. E così è andata.

Venezuelani immigrati in Argentina: hanno un titolo, ma la metà non lavora

Caña con ruda: perché in Argentina si beve questa ‘pozione’ il 1 agosto per la Pachamama