daniele de rossi boca juniors problemi infortunio

Perché Daniele De Rossi potrebbe lasciare il Boca Juniors prima del previsto


Di sicuro i tifosi del Boca Juniors si aspettavano di più da Daniele De Rossi, considerando la ‘febbre’ scoppiata a Buenos Aires già prima del suo arrivo. E forse lo stesso centrocampista aveva immaginato diversa la sua avventura con la maglia del club xeneize. Ma gli infortuni hanno deciso per lui, e per lo staff tecnico della squadra.

daniele de rossi boca juniors problemi infortunio


A conti fatti, nel Boca Daniele De Rossi ha disputato solo due partite complete, le vittorie con l’Aldosivi e il Banfield. Poi è stato titolare, ma rimpiazzato nei novanta minuti di gioco, in occasione dello 0-0 contro il River in campionato e nella sconfitta di Copa Argentina subita ai rigori dall’Almagro (suo, però, il gol nei tempi regolamentari). Infine, l’esperienza in Copa Libertadores, al ritorno dei quarti contro la Liga di Quito, finito 0-0 alla Bombonera.

Al Monumental, per la semifinale di andata di Libertadores, Daniele De Rossi non c’era a causa di noie a un ginocchio ed è ancora in forse per quella di ritorno, il 22 ottobre sul prato xeneize. Con questo scenario di base, in Argentina si parla della possibilità che l’avventura del 36enne romano possa terminare prima del previsto.

daniele de rossi boca juniors problemi infortunio


Che la ‘De Rossi mania’ stia attraversando un momento di riflessione? Anche la stampa argentina ne parla meno di un solo mese fa ed è meno presente anche tra le scenografie della Bombonera. In più, c’è l’assetto societario ad alimentare nuove suggestioni.

daniele de rossi boca juniors problemi infortunio


L’8 dicembre saranno celebrate le elezioni per la presidenza del Boca Juniors. Come anticipato dal diretto interessato, l’attuale presidente Daniel Angelici non sarà ricandidato. Due mandati sono sufficienti. Al suo posto, per la sua corrente, si presenta Christian Gribaudo. In caso di elezione, Gribaudo confermerà Nicolás Burdisso nel ruolo di direttore sportivo.



È stato proprio Burdisso, col sostegno di Angelici, a portare De Rossi in azul y oro. Se, quindi, la corrente di Angelici dovesse perdere alle ‘interne’ della società, la figura di Burdisso potrebbe essere a rischio e, effetto domino, anche la permanenza del romano, nonostante il contratto fino a metà 2020 con opzione di rinnovo semestrale.


Intanto, l’allenatore Gustavo Alfaro non ha perso le speranze: lo staff medico prosegue i suoi sforzi per portare in campo De Rossi contro il River Plate. E in quella occasione De Rossi potrebbe sorprendere le malelingue e fare un bel regalo alla sua famiglia che si è ormai trasferita a Buenos Aires per stargli vicino.

Morte Emiliano Sala, la Fifa: “Dal Cardiff 6 milioni di euro al Nantes”. Ma non è finita