Sia la stampa argentina che quella italiana hanno dato spazio al soggiorno natalizio di Daniele De Rossi a Roma. Non era mai tornato nella sua città dal giorno in cui è partito per Buenos Aires per vestire la maglia del Boca Juniors. Via dall’Argentina, dunque, il 10 dicembre approfittando dell’estate australe che impone uno stop al campionato. Ma poi?

daniele de rossi contratto boca juniors riquelme ameal


I rumor sul futuro del centrocampista si susseguono da settimane. Di certo, al suo ritorno a Buenos Aires, il 3 gennaio, troverà un club diverso da quello che lo ha cercato, corteggiato e accolto col massimo degli onori. L’era di Daniel Angelici, Nicolás Burdisso e Gustavo Alfaro è finita, come deciso dalle ultime elezioni interne. Il cambio di dirigenza, con Román Riquelme a dettare ‘il passo’ ha messo in discussione la sua permanenza.


Molto dipenderà dal nuovo allenatore, Miguel Ángel Russo, che sarà a breve annunciato. Toccherà a lui stabilire se Daniele De Rossi è indispensabile sul campo compatibilmente ai progetti dei nuovi vertici. Che, ormai è evidente, non sono convinti. Dall’entourage di DDR fanno intendere che l’ex romanista è determinato, che non è mai scemato l’entusiasmo mostrato al principio. E che sua intenzione è quella di rispettare gli impegni presi, fino a metà 2020.


daniele de rossi contratto boca juniors riquelme ameal


La stampa argentina ha messo in risalto una foto che ritrae De Rossi presso il Tennis club Parioli. Con una felpa del Boca Juniors mentre si allena in attesa del rientro a Buenos Aires, al punto che il magazine sportivo Olé enfatizza scrivendo che “Daniele De Rossi pensa solo al Boca”.

Se, dunque, l’entusiasmo c’è ed è difficile da mettere in dubbio, è lo ‘storico’ a mettere De Rossi in difficoltà: sette partite in cinque mesi sono indubbiamente poche. Adattarsi a un calcio differente gli è costato in termini fisici. Questione di giorni, poche settimane, pare di capire. E il futuro di Daniele De Rossi sarà più chiaro.

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE