argentina uefa nations league

“L’Argentina entra e gioca nella Uefa”. La voce poi la smentita


La sconfitta in semifinale di Copa América subita dal Brasile ha fatto ipotizzare scenari surreali, seppure calcisticamente parecchio affascinanti. Dopo il match finito 2-0 a Belo Horizonte e le polemiche accese sul mancato utilizzo del Var che, a dire della Selección argentina, sarebbe stato voluto per favorire i verdeoro, ha cominciato a rimbalzare la voce di un ingresso degli albicelesti nelle competizioni europee.

argentina uefa nations league


L’indiscrezione è stata lanciata da Fox Sport Argentina, secondo cui la federazione argentina, dopo aver protestato formalmente sia in sede Conmebol che Mediapro – incaricata di gestire le immagini relative all’utilizzo del Var – avrebbe considerato l’idea di disertare il prossimo torneo continentale, di cui peraltro l’Argentina è co-organizzatore, e accettare l’invito della Uefa a prendere parte alla Nations League.

argentina uefa nations league


Lo sfogo dello stesso Lionel Messi ha ben spiegato lo stato d’animo della nazionale argentina denunciando che “non dovevamo partecipare a questa corruzione, è stato tutto apparecchiato per il Brasile”. Parole poi amplificate dall’espulsione della Pulga decisa durante la partita contro il Cile per il terzo e quarto posto, vinta dagli argentini.

argentina uefa nations league


Ma l’idea, alla fine, non si è palesata neanche come semplice ipotesi, con tanto di comunicato ufficiale Uefa a riportare equilibrio tra le sigle del calcio mondiale. “Non c’è assolutamente alcuna ragione per cui l’Argentina venga invitata a partecipare alle competizioni Uefa, né possa diventare un membro della Uefa”.

Sgombrando poi il campo da retroscena: “La Uefa non ha mai avviato alcuna discussione in merito e non lo farebbe mai. Tuttavia, nello spirito di amicizia e cameratismo e come organizzazione inclusiva, la Uefa inviterà l’Argentina come ospite speciale per assistere a qualsiasi competizione Uefain qualsiasi momento”.

Messi, l’italiano di Recanati come Leopardi. Iscritto all’anagrafe e chiamato a votare