Gustavo Fernández è ormai leggenda del tennis: ai già positivi dettagli della sua carriera aggiunge anche il primo titolo vinto a Wimbledon. L’argentino ha superato in finale un temutissimo avversario che ‘Gusty’ conosce bene, il giapponese Shingo Kunieda per 4-6, 6-3 e 6-2. Wimbledon non è una novità per lui: nel 2015 nel doppio col francese Nicolas Peifer, ma stavolta il titolo è tutto suo.

Gustavo Fernández wimbledon 2019


Per Fernández è il terzo Grande slam della stagione e il quinto della sua carriera. Il ‘Lobito’ ha avuto la sua rivincita dopo le finali 2017 e 2018 perse a vantaggio dello svedese Stefan Olsson. Wimbledon 2019 si aggiunge così agli Open di Australia vinti nel 2017 e 2019, e ai Roland Garros del 2016 e 2019.


Con quest’ultimo successo, Gustavo Fernández supera tutti, diventando l’argentino con più titoli nel tennis giacché Guillermo Vilas ne ha conquistati solo quattro. E per la terza volta si impadronisce del posto numero uno del ranking mondiale di categoria.

guillermo vilas argentina
Un giovane Guillermo Vilas


È stata una bella gara quella contro il 35enne Kunieda, considerato il miglior atleta e colui che ha cambiato completamente il tennis in carozzina rendendolo più tecnico, tecnicamente elevato e maggiormente attrattivo. L’inizio del match sembrava dare ragione al giapponese, poi sono venute fuori forza e tecnica del 25enne di Río Tercero che gli hanno permesso di avere la meglio. Prossima sfida gli Us Open.

argentina gustavo fernández tennis carrozzina


Quella di Fernández è una storia di impegno e passione. A anno e mezzo fu colpito da un infarto midollare che gli provocò paralisi dalla vita in giù. La sua è una famiglia di atleti. Il padre, Gustavo Isamel Fernández, è un ex cestista di prima divisione, e nella stessa disciplina è impegnato Juan Manuel Fernández, attualmente nella nazionale argentina e impegnato nella A1 italiana. Gustavo a 6 anni ha cominciato a giocare a tennis, a 12 era iscritto come junior alla federazione argentina di tennis. Di là alla vetta mondiale.

Maradona, nazionali e club: le squadre che vogliono il Diez come allenatore