L’Argentina si conferma uno dei migliori paesi al mondo in fatto di gelato. Buon sangue non mente, verrebbe da dire, considerando la ‘discendenza italica’. Ottimo il piazzamento della ‘nazionale’ di gelatai artigianali albicelesti – reduce dalla vittoria al campionato latinoamericano – alla nona edizione della Coppa del mondo della Gelateria, a Rimini. Un terzo posto di tutto rispetto dopo Italia e Giappone, rispettivamente numero uno e due sul podio mondiale.

La giuria è stata integrata da dodici esperti, uno per ogni paese partecipante. L’Argentina era rappresentata da Maximiliano Maccarone, il capitano della squadra albiceleste di gelatai. Giuria a parte quella dei giornalisti, con il compito di valutare la migliore torta gelato.

argentina Coppa del mondo della Gelateria rimini 2020

Ma alla Coppa del mondo della Gelateria sono stati assegnati anche cinque premi speciali, uno dei quali aggiudicato ai gelatai argentini per la categoria ‘Mistery box’, per la creazione di gelati con ingredienti forniti al momento. E il gruppo argentino si è distinto impiegando cannella, vaniglia e lavanda, ma anche realizzando un gelato con caffè, cioccolato e anice stellato. Di qui al primo premio, riconosciuti i sapori innovatori delle loro creazioni.

Quello del gelato artigianale in Argentina è un settore in netta crescita. Il consumo pro capite annuo è intorno ai sette chili, più che radoppiato rispetto ai tre chili dell’anno 2000. Le statistiche svelano che l’83,25 degli argentini consuma gelato artigianale tutto l’anno. E che l’export del gelato made in Argentina è in continua crescita e già nel 2017, con 3.063 tonnellate, risultava cresciuto del 65 per cento rispetto all’anno precedente.

È in Argentina la migliore cantina del mondo, nella Valle de Uco. Altre 4 nella top 50

Loading...