Paese che vai, usanza che trovi. E in Argentina tutto e tutti hanno una giornata dedicata: dal calciatore ai maestri, dall’amico al padre, passando per i più vari mestieri e aspetti della vita nazionale. E nell’elenco non poteva mancare il Día del dulce de leche, il dolce argentino per eccellenza. Si celebra l’11 ottobre di ogni anno, dal 1998 su iniziativa dell’ente argentino di categoria di produzione e promozione.

día del dulce de leche


Día del amigo, perché in Argentina si celebra il 20 luglio. Tra Luna e massoneria

Riconosciuto come patrimonio culturale alimentare e gastronomico del paese, il dulce de leche è uno dei prodotti immancabili nelle case degli argentini, come nei laboratori dolciari di ogni dimensione. Stando alle statistiche, in Argentina se ne producono circa 140mila tonnellate annue per un consumo pro capite di 3,5 chilogrammi per anno.

día del dulce de leche


Gli addetti ai lavori non hanno dubbi: come la carne o la yerba mate, il dulche de leche è un simbolo dell’Argentina e tra i prodotti con maggiore potenzialità di crescita in termini di esportazione.

día del dulce de leche


Per la sua versatilità e il suo sapore unico è da decenni un ingrediente fondamentale nella pasticceria, industria dolciaria e gelateria. Proprio in quest’ultimo caso i numeri spiegano che il gelato al dulce de leche è il gusto preferito dal 53 per cento degli argentini, seguito da cioccolato e fragola.

I principali paesi di esportazione sono tutti nel continente americano, nell’ordine: Cile, Brasile, Stati Uniti, Paraguay e Bolivia. La Spagna, invece, è il primo cliente del Vecchio continente. Ultimamente anche il palato giapponese sembra apprezzare l’Argentina più dolce.

Il dulce de leche: storia, usi e ricetta dell’Argentina più dolce

Postre Balcarce, un dolce nazionale argentino. Storia e ricetta