yerba mate proprietà

Ecco perché bere mate è una buona abitudine: tutte le sue proprietà benefiche



Diverse sono le teorie sull’origine della yerba mate, condite da leggende dei popoli precolombiani del nord dell’Argentina, in realtà dell’intera zona popolata dai Guaraní a cavallo con Paraguay e Uruguay. Il tratto comune alle varie storie è che si tratti di un dono degli dei. Ciò che resta oggi è un consumo che rende omaggio a chi ‘ha portato sulla Terra’ uno dei prodotti più consumati in Argentina.

Il mate è costituito dalle foglie naturali di una pianta dalle proprietà benefiche, il cui nome scientifico è Ilex paraguariensis, che cresce nell’immensa foresta pluviale sudamericana.

yerba mate proprietà benefiche


Per secoli, le tribù Aché Guayaki hanno bevuto yerba mate per i suoi effetti benefici, salutari e di ‘ringiovanimento’. Non si tratta solo di una bevanda corroborante, ma di un vero e proprio tonico per l’organismo. Le sue foglie contengono naturalmente 24 vitamine e minerali, 15 aminoacidi e antiossidanti naturali in abbondanza.


L’effetto tonico ed energizzante della yerba mate si riflette positivamente sull’apparato gastroenterico, stimolando la secrezione di enzimi e accelerando il processo digestivo, nonché l’assorbimento delle sostanze nutritive e anche il transito intestinale. La combinazione tra l’effetto saziante e la capacità di aumentare il metabolismo di grassi e zuccheri e la diuresi, fanno del mate un eccellente coadiuvante delle diete dimagranti, perché permette di perdere peso attenuando la sensazione di fame e spossatezza.

yerba mate proprietà benefiche


Sebbene da molti sia considerato un sostituto del caffè, sono diversi in quanto differente è la durata della caffeina contenuta nel caffè e quella presente nel mate, nel senso che i suoi effetti, nonostante siano più prolungati, sono maggiormente tollerati dall’organismo. Una ricerca dell’Organizzazione mondiale della sanità che ha indagato sulla relazione tra mate e tumori ha inoltre spazzato il campo dai sospetti circolati negli anni Novanta sul potenziale rischio nel consumo della bevanda.

yerba mate proprietà benefiche


In sintesi, gli aspetti positivi più importanti dell’assunzione di yerba mate sono diversi. Effetti diuretici, utili per combattere le infezioni e generare un fondamentale ricambio all’interno del nostro organismo. Effetti eccitanti, dovuti alla caffeina contenuta naturalmente nelle foglie: il mate possiede tra l’1,2 e il 2 per cento di caffeina (dopo il caffè, nessun’altra bevanda al naturale vanta una percentuale così alta). Oltre a questo, il mate ha anche proprietà antidepressive e un’alta concentrazione di vitamine e sali minerali. Il potere eccitante ha reso nota questa bevanda anche per gli effetti positivi sul vigore sessuale.

Si tratta di un’erba che va infusa secondo un metodo molto particolare: un modo meno diffuso è quello che in Argentina definiscono ‘mate cocido’, cioè un infuso in bustine identiche a quelle del tè. Ma il mate è mate soprattutto nella sua assunzione tradizionale, cioè usando l’apposito contenitore (il più naturale e antico è una zucca, ma sono molto diffusi mate in legno, con interno in vetro temperato e materiali plastici) e la ‘bombilla’, una cannuccia in metallo (ormai meno diffusa è una piccola canna di bambù) in grado di trattenere l’erba e il residuo di polvere.



Quello che sorprende maggiormente gli occidentali è l’uso della stessa bombilla tra più persone (e dello stesso contenitore). Nulla di più tradizionale, e non solo in Argentina. Antiche abitudini vogliono che a prepararlo sia il ‘cebador’ che è il primo a berlo per poi passarlo agli altri presenti. Il significato è quello di assicurarsi che sia stato preparato correttamente e che la qualità sia ottima, un gesto di cortesia verso gli altri, insomma.

Yerba mate, non solo calda. I suoi benefici anche in estate col metodo cold brew

Il rituale continua con il cebador che serve il mate alla persona alla sua destra e via così fino a ‘chiudere il cerchio’. Dunque, si restituisce il mate al cebador, che lo riempie nuovamente di acqua calda e lo pasa nuovamente. Fondamentale è che la cannuccia rimanga ferma, altrimenti l’erba si mischia e il mate avrà un gusto poco gradevole. Il bevitore inoltre non dovrà tenere il mate per tanto tempo con sé, si beve in modo rapido.

Il chimichurri argentino, l’amico della carne. La ricetta e gli abbinamenti giusti