Anche il mercato del lavoro dell’Argentina fa i conti con la contrazione da coronavirus. Nel primo trimestre del 2020 il tasso di disoccupazione è salito dal 10,4 al 15,5 per cento. Emerge da calcoli della Uca, l’Universidad Católica Argentina, basati su i dati dell’Indec, l’istituto nazionale di statistica, e del sistema previdenziale integrato del paese sudamericano. In termini nominali si tratta di oltre un milione di lavoratori in più, passando da 2,2 a 3,3 milioni di persone.

argentina coronavirus crisi economia disoccupazione

L’analisi dell’Uca spiega che si tratta in modo prevalente di lavoratori che hanno perso il proprio impiego come conseguenza della contrazione dell’attività economica a causa della pandemia, circa 950mila, ai quali si aggiungono i cosiddetti nuovi disoccupati, lavoratori in ingresso nel mercato del lavoro.


La maggior parte dei disoccupati ‘da pandemia’ risponde a categorie meno protette, come informali, autonomi e figure legate a vsario titolo alla piccola e media impresa. Ma il dato riguarda anche figure protette da schemi tradizionali del mercato del lavoro. Come segnalano fonti previdenziali, tra i mesi di febbraio e maggio del 2020 sono oltre 300mila i lavoratori argentini ad avere perso il proprio impiego, tra 149mila dipendenti del settore privato, 148mila tra autonomi e partite Iva, 20mila addetti ai servizi per le famiglie.


Ad avere più difficoltà in questo periodo particolare, aggiunge lo studio della Uca, sono le donne e i giovani. Nel primo trimestre dell’anno in corso, il tasso di disoccupazione delle donne è stato dello 0,8 per cento più alto rispetto alla media generale. Per gli uomini, invece, uno 0,7 per cento al di sotto.

Economia argentina tra recessione e Covid: Pil a -20,6% in un mese. Nei primi 5 mesi del 2020 -13,2

Boom della pesca in Argentina, unico settore in positivo: +61,5%. Quinto nell’export nazionale

I più ricchi d’Argentina: ancora Bulgheroni, perdono i Rocca. Macri 20esimo

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE