La crisi colpisce tutti, anche gli imprenditori più ricchi dell’Argentina. Secondo l’ultima analisi di Forbes, si tratta di una perdita di circa 12 miliardi di dollari: contro i 70 rilevati nel 2018, la cifra complessiva del 2019 si ‘ferma’ a 58 miliardi. Inoltre, sono diversi gli uomini d’affari usciti dal ranking per aver perso una parte del patrimonio personale e di famiglia.

Sono precisamente sei: Julio Patricio Supervielle, Eduardo José Escasany, Nicolás Martín Caputo e famiglia, Daniel e Pablo Lucci, Antonio Ángel Tabanelli e i fratelli Garbarino. Questi, viene spiegato, causa recessione, non sono riusciti a superare i 360 milioni di euro, cifra minima di ingresso nel ranking. Ma si tratta, comunque, di numeri decisamente contenuti rispetto alla top five.



Verso la coda della classifica dei cinquanta Paperoni ci sono nomi noti, alcuni anche oltre i confini argentini. Si parla di Wenceslao Casares, che ha fatto fortuna con la banca online Patagon e oggi è Ceo di Xapo nel settore dei bitcoin, con 660 milioni di dollari. Poi c’è il gruppo Macri con 540 milioni di dollari e Lionel Messi che si accontenta di una fortuna stimata in 420 milioni di dollari.

Va meglio a Marcos Galperín, fondatore e Ad di Mercado Libre: oggi detiene un patrimonio di 2,5 miliardi. La sua società è l’argentina con migliori performance a Wall Street. Altro nome legato all’Italia è quello di Eduardo Eurnekian, titolare di Corporación América, che ha una fortuna di 1,5 miliardi di dollari.

Paolo Rocca

argentina imprenditori argentini più ricchi forbes 2019


Titolare del Gruppo Techint, occupa il primo posto del ranking degli imprenditori argentini più ricchi con un patrimonio di 8 miliardi di dollari. Risulta quindi inferiore ai 9,7 miliardi della classifica precedente. Secondo gli analisti si deve sia alla crisi argentina che al coinvogimento, seppure temporaneo visto il qusi immediato proscioglimento, nella maxi inchiesta sulla corruzione che ha avuto ricdute sui mercati.

Maxi inchiesta corruzione, Paolo Rocca (Techint) non sarà processato

Alejandro Bulgheroni

argentina imprenditori argentini più ricchi forbes 2019


Anch’egli noto in Italia per la sua passione e i suoi investimenti in Toscana, è il numero uno del Pan American Energy Group, la società petrolifera più grande del paese con attività anche in altri paesi del Latinoamerica. Il suo patrimonio è stimato in 6,2 miliardi di dollari perdendo, anch’egli, rispetto ai 7,3 miliardi dello scorso anno. Bulgheroni è attivo in Argentina anche nel settore vitivinicolo e agroalimentare in Argentina e Uruguay.

Alejandro Bulgheroni, il magnate argentino che crede e investe nel vino toscano

Gregorio Pérez Companc

argentina imprenditori argentini più ricchi forbes 2019


Quest’anno ‘solo’ tre miliardi di dollari rispetto ai 3,9 del 2018. I suoi interessi sono trasversali, con investimenti dalle telecomunicazioni al petrolio, all’alimentare. Ma è noto soprattutto per Molinos Río de la Plata e Molinos Agro.

Alberto Roemmers

argentina imprenditori argentini più ricchi forbes 2019


Leader del settore farmaceutico, ha visto aumentare il suo patrimonio dagli 1,8 miliardi di dollari dello scorso anno a 2,8. Un incremento considerevole, attorno al 55 per cento dovuto alla vendita della metà delle partecipazioni di Mega Pharma. Tuttavia, è rimasto nel settore con la società Siegfried, presente in Messico, Colombia, Ecuador e Perù.

Jorge Pérez

argentina imprenditori argentini più ricchi forbes 2019


Molti lo definiscono il ‘Donald Trump latino’. Dirige Related Group dalla sua fondazione nel 1979. È nato in Argentina da genitori cubani, poi cresciuto in Colombia e trasferitosi negli Stati Uniti. Il suo settore è quello delle costruzioni e, a oggi, ha costruito circa 90mila unità immobiliari. I suo patrimonio è però calato dai tre miliardi di dollari dello scorso anno ai 2,6 del 2019.

Loading...