World Economic Outlook crisi argentina prospettive pil inflazione

Pil, inflazione, lavoro: per il Fmi l’economia argentina peggiora nel 2019/2020


Con l’ultimo aggiornamento del World Economic Outlook, il Fondo monetario internazionale rivede le stime dell’economia globale. E l’Argentina non può sorridere. Contrariamente alle previsioni precedenti, l’istituto di Washington segnala una marcata caduta dell’economia del paese sudamericano, in linea con la tendenza mondiale, interessata principalmente dalla guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti.

World Economic Outlook crisi argentina prospettive pil inflazione


L’orientamento degli analisti è cambiato dalle elezioni primarie dello scorso 11 agosto. Dopo aver concesso all’Argentina il più consistente pacchetto di aiuti nei suoi oltre settant’anni di storia, il Fmi ha dovuto adeguare le prospettive del paese dopo l’affermazione del candidato peronista, Alberto Fernández, dato dai sondaggi in testa al voto del 27 ottobre. Alla base, una minore sintonia dei mercati con le impostazioni di politica economica del suo Frente de Todos.

Secondo il Fmi, l’Argentina chiuderà il 2019 con una caduta del prodotto interno lordo pari al 3,1. Le difficoltà continuerebbero anche nel 2020, con un negativo dell’1,3 per cento. Oltre allo scenario interno, è anche il contesto regionale a influenzare il rendimento dell’attività economica argentina: per il 2019 appena lo 0,2 per cento rispetto alla previsione Fmi dello scorso aprile che parlava dell’1,2 per cento.

World Economic Outlook crisi argentina prospettive pil inflazione


Il grave peggioramento delle condizioni macroeconomiche in un ristretto numero di paesi tra il 2017 e il 2019 – si legge nel World Economic Outlook – rappresenta circa la metà della diminnuzione della crescita mondiale. E tra questi paesi, oltre a Turchia, Venezuela e Iran, c’è anche l’Argentina.

Non va meglio sul fronte della lotta a inflazione e disoccupazione. Anche in questo caso le precedenti stime, sia del Fondo che del governo di Buenos Aires, lasciano spazio a maggiore pessimismo. L’Argentina chiuderà l’anno in corso con un tasso di inflazione del 57,3 per cento, che scenderebbe al 39,2 nel 2020. Doppia cifra anche per il tasso di disoccupazione: 10,6 nel 2019 e 10,1 per il prossimo anno.

La crisi divora la società argentina: la povertà colpisce un terzo della popolazione