Il negoziato tra Argentina e creditori internazionali per la ristrutturazione del debito vive il suo round finale dopo l’ultima proroga sull’offerta, che Buenos Aires ha esteso al 19 giugno. Nel frattempo è il Fondo monetario internazionale a esprimersi nuovamente sulla priorità manifestata dal principio dal governo argentino, la sostenibilità del debito.

È la numero uno del Fmi, in una intervista a El País, a dichiarare che riportare il debito estero a un livello sostenibile rappresenta per l’Argentina “un’opportunità” per uscire dalla volatilità economica che ha caratterizzato gli ultimi decenni.


debito argentina fmi negoziato creditori

Secondo Kristalina Georgieva, l’Argentina ha una storia complessa, è un paese che ha attraversato cicli di boom e crolli durante decenni, che ha sospeso i pagamenti (del debito) per otto volte e che adesso affronta il nono default tecnico che speriamo non si concretizzi”. Georgieva considera “una opportunità” la possibilità di un accordo: “Quello che osserviamo oggi è un’opportunità affinché l’Argentina rompa con questo ciclo, e questa opportunità si deve basare sul ritorno del debito ad un livello sostenibile”.


Nonostante i precedenti rapporti non facili tra l’Argentina e il Fondo, Georgieva sottolinea l’istituto di credito internazionale è disposto oggi ad appoggiare politiche in grado di ridare al paese sudamericano stabilità macroeconomica sul lungo termine.

“L’Argentina è un paese con un grande potenziale economico, se faranno richiesta di un programma di aiuti lavoreremo duramente per appoggiare politiche che spezzino il ciclo di boom e riprese”. Dal canto suo, anche il ministro argentino dell’Economia, Martín Guzmán, ha voluto sottolineare “il lavoro costruttivo” che il governo Fernández sta portando avanti con l’istituto di credito multilaterale.

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE