Debito Argentina – La decisione era attesa giacché prima dell’insediamento i responsabili economici del neo presidente, Alberto Fernández, avevano anticipato l’intenzione di rimodulare le scadenze del debito. Così, con decreto di necessità e urgenza il governo ha posticipato al 31 agosto del 2020 il pagamento di obbligazioni per un ammontare totale di nove miliardi di dollari.

debito argentina posticipo scadenze obbligazioni letes


Il decreto viene giustificato dall’esecutivo sulla base delle già dichiarate emergenza economica e finanziaria e sostenibilità del debito pubblico. L’impostazione dello staff economico di Fernández è dare la priorità alla ripresa dell’economia reale e al miglioramento dei principali indicatori sociali, funestati da recessione, inflazione e disoccupazione, con indici di povertà in continua crescita.

Il provvedimento, tuttavia, congela i soli Letes, Lettere del tesoro, emessi in valuta straniera che siano in possesso di istituti bancari e persone giuridiche e non va a pregiudicare le naturali pretese dei possessori privati e le province argentine. Ma i primi costituiscono il 90 per cento dei titoli la cui scadenza viene posticipata.

debito argentina posticipo scadenze obbligazioni letes


Come premette il decreto, “le considerazioni inserite danno conto della persistenza delle severe condizioni che giustificano la decisione di posticipare il pagamento delle obbligazioni e la necessità di adottare misure urgenti per affrontare la drammatica crisi sociale ed economica che affronta il paese”.

La prima reazione dei mercati è arrivata da Fitch, L’agenzia di rating parla di “default parziale” dell’Argentina e ne ha annunciato al ribasso la valutazione sulla base della possibilità di nuovi inadempimenti di Buenos Aires o modifiche unilaterali. Fitch non nasconde di percepire un clima di incertezza rispetto agli accordi a venire con i possessori di obbligazioni in termini di ristrutturazione del debito di scadenza prossima.