primarie elezioni argentina 2019 fernandez macri mercati

Elezioni primarie Argentina, i mercati bocciano Fernández: vola il dollaro, cadono azioni e titoli


Sono bastate poche ora per rovinare la festa a Alberto Fernández uscito dalla primarie in Argentina più forte dell’uscente Mauricio Macri. Il distacco tra i due è notevole, del 15 per cento. Numeri che, se confermati il 27 ottobre, darebbero vittoria al primo turno al candidato peronista e alla sua vice, Cristina Fernández.

E mentre si concludeva lo spoglio in tutto il paese, era molto attesa la reazione dei mercati che, come noto, speravano e scommettevano su una migliore performance dell’italo-argentino.

primarie elezioni argentina 2019 fernandez macri mercati


Lo scorso venerdì, difatti, il segnale era stato lanciato. A 48 ore dalle urne delle Paso, le azioni argentine a Wall Street avevano guadagnato fino al 10 per cento. Anche la Borsa di Buenos Aires aveva chiuso con un +8 per cento.

Dopo la notizia della valanga dei Fernández – termine non eccessivo considerando le inchieste che parlavano di massimo il 5 per cento di scarto – torna a deprezzarsi il peso argentino: del 16 per cento circa fino a toccare un cambio di 60 pesos, vale a dire quasi 15 in più rispetto a venerdì. Gli analisti non escludono che il biglietto verde continui ad aumentare nel corso della giornata.

primarie elezioni argentina 2019 fernandez macri mercati


Sfiducia anche nella borsa di New York, dove le azioni argentine hanno finora registrato cali che toccano il 46 per cento. È il caso del titolo di Banco Galicia, che cede il 45,6 per cento, perdite che non si vedevano dal nefasto 2002. Tra gli altri: Pampa Energía perde il 36, la petrolifera statale il 31.

Stessa sorte per i titoli di Stato, scendendo del 20 per cento. Dopo un iniziale parità rispetto ali 861 punti base registrata a chiusura della scorsa settimana, il rischio paese, calcolato rispetto ai buoni americani, è salito a 904 nelle prime ore dopo il voto con una previsione attorno ai mille a fine giornata.

Primarie elezioni Argentina: per il governo Macri una sconfitta pesante