argentina litio produzione

Litio, la scommessa argentina. Nel 2025 quadruplicato l’export di minerale e derivati


Il litio, una delle scommesse più recenti dell’economia argentina. Le esportazioni del minerale possono quadruplicare il loro volume nel 2025 e il settore apporterebbe così il 10 per cento delle divise straniere generate dall’intero settore dell’agroindustria. Una crescita notevole considerando che attualmente rappresenta solo l’1 per cento del prodotto interno lordo.

argentina litio produzione


È la previsione elaborata dalla Borsa di commercio di Rosario sottolineando che il litio è una importante opportunità per l’export argentino considerando anche il suo prezzo stabile e i nuovi progetti e investimenti in via di definizione.

Una precedente stima del governo indica l’Argentina come il potenziale secondo maggiore produttore mondiale nel 2022, con una capacità produttiva di 290mila tonnellate/anno di carbonato di litio equivalente.

argentina litio produzione


Negli ultimi dieci anni, l’export di carbonato di litio ha triplicato il suo valore, arrivando nel 2018 a valere 251 milioni di dollari. Il prodotto principalmente spedito oltre confine è, difatti, il carbonato di litio, materia prima destinata a diverse tipologie di industria. I principali paesi clienti sono Stati Uniti, Giappone, Cina e Corea del Sud, maggiormente impegnate nel settore della elettronica.

Attualmente in Argentina per l’esportazione sono operativi progetti in 23 saline ubicate nelle province di Jujuy, Salta e Catamarca. Di questi, gli unici che hanno già raggiunto la fase di produzione sono quelli di Olaroz a Jujuy, dove partecipano la australiana Orocobre, la Toyota e la statale Jemse, con una capacità estrattiva di 17.500 tonnellate; e il progetto Fenix a Catamarca, assegnato alla statunitense Livent Corp con una capacità di 22mila tonnellate.

argentina litio produzione


Entrambe hanno già elaborato piani di espansione per raggiungere ognuna le 40mila tonnellate: la previsione è di raggiungere l’obiettivo nel 2020 nel caso di Olaroz e nel 2022 negli impianti a Catamarca.

Un altro progetto è in definizione nelle saline di Cauchari Olaroz a Jujuy, a carico della canadese Litium Americas, della cinese Ganfeng con la Jemse, e prevede di entrare in attività il 2020 con una capacità estrattiva di 25mila tonnellate. Nelle saline di Centenario e Ratones, a Salta, opera la franese Eramet, con obiettivo di inizio attività nel 2021 per 20mil tonnellate.

Cinque ulteriori progetti sono in fase di studio di fattibilità nella provincia di Salta a Sal de los Ángeles, Sal de Vida, Salar del Rincón, Pastos Grandes e in quella di Catamarca, a Tres Quebradas.

Oro, argento, rame, litio (e gli altri): il tesoro ‘nascosto’ dell’Argentina