argentina spread rischio paese mercati

I mercati non premiano le misure anti inflazione del governo Macri: spread ai massimi dal 2014


I mercati esprimono pessimismo verso l’Argentina dopo l’annuncio, da parte del governo Macri, delle misure contro l’inflazione consistenti, soprattutto, nel congelamento di tariffe e prezzi dei beni di prima necessità. La diffidenza si è concretizzata nel calo delle azioni delle società argentine quotate a Wall Street, che hanno perso fino al 7 per cento. Nessun dato pervenuto dalla borsa di Buenos Aires, le cui operazioni sono sospese per le festività pasquali.

Il calo è evidente soprattutto per i titoli delle banche: Banco Francés ha ceduto il 7,40 per cento, Macro -7,14, Grupo Financiero Galicia -6,85, Supervielle -6,21 per cento. L’unica a registrare un risultato positivo è la Transportadora de Gas del Sur, con un rialzo del 2,41 per cento.

argentina spread rischio paese mercati


In questo contesto ne ha risentito anche il rischio paese, con un aumento di oltre trenta punti: JP Morgan fissa lo spread a 853 punti base, il valore più alto dal giugno del 2014. Allora – il governo era quello di Cristina Fernández – lo spread era salito a 873 punti base dopo che una sentenza della Corte suprema degli Stati Uniti obbligava l’Argentina a onorare gli impegni con i fondi speculativi. Accadeva a quindici giorni dalla loro scadenza con tutti i dubbi sulla solvibilità di Buenos Aires.