Norwegian potrebbe abbandonare i cieli argentini. È quanto si apprende da Sir Chandler y Airlinegeeks, siti dedicati al settore aereo. La compagnia low cost norvegese ha cominciato a volare in Argentina nel febbraio del 2018 con i primi voli diretti da Londra. Ora, però, starebbe per rinunciare a operare nel paese sudamericano. Non ci sono informazioni ufficiali ma l’idea sarebbe quella di affidare le operazioni alla low cost JetSmart, che già vola tra gli scali argentini.

voli low cost argentina norwegian jetsmart


Secondo Sir Chandler, Norwegian sta vendendo biglietti fino al 28 marzo ed è parso meritevole di attenzione nonostante la politica della compagnia sia quella di vendere a breve termine. Inoltre, dei dieci aeromobili che avrebbero dovuto essere impiegati secondo le promesse ne volano solo tre.

Dalla compagnia fanno sapere che “Norwegian continua a operare normalmente e a vendere biglietti” e che “al momento non c’è nulla da comunicare”. Parole che non costituiscono conferma ma neanche piena smentita. Di conseguenza, totale assenza di informazioni anche sul tipo di operazione tra le due compagnie anche se sono stati usati i termini di accordo, alleanza. Silenzio anche sul fronte JetSmart.

voli low cost argentina norwegian jetsmart


Voci che, a ogni modo, arrivano in un momento poco brillante del settore aereo a livello globale e nel quale la compagnia del paese scandinavo sta riequilibrando le sue attività in Europa. A questo si aggiunge la vicenda dei Boeing 737 Max: Norwegian ne ha messi a terra diciotto.

Qualche ragione è forse da individuare anche nella situazione economica e politica dell’Argentina? Norwegian è arrivata nel paese proprio mentre cominciava la svalutazione, poi intensificatasi lo scorso agosto: costi delle operazioni in dollari, entrate in pesos. Poi c’è il dubbio sulle politiche del prossimo governo: l’esecutivo Macri ha perseguito l’obiettivo dell’apertura dei cieli per garantire maggiore connettività nell’ottavo paese più grande del mondo. E Alberto Fernández?

voli low cost argentina norwegian jetsmart


Il kirchnerismo si è sempre schierato per una difesa della compagnia di bandiera, ma è difficile che Fernández possa e voglia ‘smontare’ un’idea, quella dei voli low cost, che risulta molto apprezzata dagli argentini che, peraltro, possono contare su nuove rotte interne e verso l’estero.

Secondo il presidente eletto “è chiaro che i cieli sono aperti e tutti possono circolare”, ma contesta il fatto che, a suo dire, “qualcuno vola su destinazioni turistiche e altri per connettere il paese. Se tutti connettono il paese, nessun problema”. Fernández contesta che “le altre compagnie volano su Córdoba, Bariloche, Neuquén, Calafate e Iguazú e il resto lo deve fare Aerolíneas Argentinas”. È quindi possibile prevedere qualche modifica nelle concessioni.

Voli low cost in Argentina, biglietti da un peso (0,015 euro) tasse incluse