l'amica geniale iic buenos aires

In Argentina il successo de L’amica geniale. I segreti della serie tv all’Iic Buenos Aires


In Italia è stato il più grande successo della televisione nel 2018 e ora ‘rischia’ di fare il bis a Buenos Aires. Soprattutto perché è lo spaccato della società che molti italiani si lasciarono alle spalle emigrando in Argentina. Sarà proprio ‘L’amica geniale’ la protagonista dell’inaugurazione del nuovo ciclo di ‘Al Cinema’ dell’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires, dedicato al cinema italiano contemporaneo. Nel corso del 2019, l’Iic presenterà al pubblico i film più interessanti tra le produzioni italiane degli ultimi anni.

In esclusiva per l’Istituto, verrà proiettato il documentario, prodotto da Hbo, sulle riprese della serie Rai ispirata all’omonimo bestseller di Elena Ferrante. ‘L’amica geniale’ ha debuttato sugli schermi nel novembre 2018, raggiungendo un grandissimo successo anche a livello internazionale. Il documentario narra i momenti salienti della produzione, dal casting (con oltre ottomila aspiranti) fino alla première della serie al Festival di Venezia.

l'amica geniale iic buenos aires


“Un percorso unico, che illustra non solamente la relazione tra le due attrici protagoniste, ma anche i parallelismi tra loro e i personaggi che rappresentano, Elena e Lila, in una dinamica in cui i limiti tra realtà e finzione, persona e personaggio, iniziano a scomparire”, si legge nel comunicato dell’Iic Buenos Aires.

“Con una proposta cinematografica specialmente pensata per ritrarre la Napoli del dopoguerra, e con una grande attenzione per le ambientazioni d’epoca e per i linguaggi e accenti tipici dei diversi periodi che si sviluppano durante i decenni della narrazione, ‘L’amica geniale’ è stata realizzata scegliendo attori nati nelle regioni alle quali appartengono i rispettivi personaggi, capaci quindi di parlare con facilità il dialetto locale, oltre all’italiano”.

Link per la prenotazione del posto

L’amica geniale
Istituto italiano di cultura, Buenos Aires
Marcelo T. De Alvear, 1119
7 marzo, ore 19
Ingresso libero