comunità italiana in argentina politica leadership rappresentanza

Italiani a Buenos Aires: “La comunità italiana d’Argentina è senza una guida”


Traduzione di
Vacío de liderazgo en la colectividad italiana de Argentina
di Edda Cinarelli per Italianos en Buenos Aires

La storia dell’immigrazione italiana in Argentina è quasi simultanea alla storia della Repubblica Argentina. Comincia con i liguri nel 1820 e arriva ai nostri giorni passando per l’arrivo dei seguaci di Mazzini nel 1830-1840. Operai e contadini, socialisti e anarchici tra il 1870 e il 1920 fino al secondo dopoguerra quando il viaggio verso l’Argentina era indotto dalla distruzione causata dal conflitto, per arrivare agli immigrati del periodo attuale. Ci sono sempre state figure intenzionate a dare alla collettività italiana un senso di unità e di protezione.

comunità italiana in argentina politica leadership rappresentanza


Dagli anni Sessanta fino a poco tempo ci sono stati rappresentanti molto capaci e imprenditori che sono stati in grado di dialogare tra loro nonostante le differenze ideologiche al fine di lottare per i diritti degli italiani in Argentina. Viene quindi automatico pensare a a Filippo Di Benedetto, Antonio Ambrosio, Franco Livini, Luigi Pallaro, Antonino Macri, Italo Garibaldi e Oberdan Sallustro.

comunità italiana in argentina politica leadership rappresentanza


Tra tutti va ricordata in modo particolare la figura di padre Tomasi, dotato di carisma, in grado di raccogliere diversa ma accomunata dalla causa della diffusione di cultura e lingua italiana. Era mosso da fare. Come quando, el 2000, con gli allora ambasciatore italiano Giovanni Jannuzzi e presidente della Camera di commercio italiana Luigi Pallaro, organizzò la sfilata della enorme bandiera italiana che passò per la avenida del Libertador scortata dagli alpini e portata da membri della collettività. L’anno precedente gli stessi Jannuzzi e Pallaro avevano realizzato, nella Rural di Buenos Aires, l’evento espositivo ‘Italia e Argentina, dos países en movimiento’.

comunità italiana in argentina politica leadership rappresentanza


Poi la legge per il diritto di voto degli italiani all’estero e la prima occasione nel 2006. Si prevedeva una migliore organizzazione della collettività ma non è stato così. I rappresentanti eletti al parlamento italiano si sono isolati dalla collettività, che oggi appare acefala: appaiono chiusi nel palazzo, lontani dai loro elettori. Nessuno si preoccupa di informarci, per esempio, sulle dinamiche nella politica italiana circa i progetti di legge in discussione.

comunità italiana in argentina politica leadership rappresentanza


Si sa che il Movimento 5 stelle ha proposto la riduzione del numero dei parlamentari, ma qui nessuno lo ha illustrato. C’è stata una crisi di governo che ha portato al Conte bis, ma non ci è stato spiegato. In ogni caso dobbiamo informarci autonomamente. Si percepisce che stanno emergendo nuove leadership e per questo chiediamo di informarci su ciò che sta succedendo in Italia e avanzare insieme. Sorge la necessità che i membri della collettività eletti al parlamento italiano e qualcuno che ci rappresenti innanzi al governo argentino tornino a dialogare coinvolgendo la comunità italiana.