papa francesco in argentina 2020 2021 elezioni

Papa Francesco in Argentina, arrivano novità sul ‘quando’ dal presidente dei vescovi


Papa Francesco in Argentina, ci sono nuovi dettagli sul viaggio del pontefice nella sua terra natale. L’ultima volta se ne era parlato i primi di maggio a margine della visita ‘ad limina’ dei vescovi argentini in Vaticano. In quella occasione alcuni prelati si sono sbilanciati sul 2020 sottolineando il desiderio di Jorge Mario Bergoglio di tornare in Argentina.

La data del 2020, veniva spiegato, è legata al termine delle operazioni elettorali di ottobre (e novembre, in caso di ballottaggio) con la volontà di non piombare sulla già polarizzata società.

papa francesco in argentina 2020 2021 elezioni


Nuovi elementi sono ora forniti da Óscar Ojea, presidente della Conferenza episcopale argentina, rendendo noto che il viaggio di papa Francesco in Argentina potrebbe concretizzarsi “tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021”. Informazioni che, dice, gli sono arrivate dallo stesso pontefice.

“C’è chi sostiene che il papa non voglia venire in Argentina, ma a me ha detto che è lo desidera e sta già pensando quando. Ha aggiunto che non può nell’immediato, ma è possibile che verrà tra la fine del 2020 e l’inizio del 2021”, ha dichiarato Ojea all’agenzia di stampa argentina Télam.

papa francesco in argentina 2020 2021 elezioni


Ciononostante, come con prudenza precisato dal numero uno della Confereza espiscopale argentina, “non si tratta di un annuncio ufficiale né di date certe o concrete” ma “il Santo padre desidera che gli argentini sappiano che sta pensando a una visita pastorale nel suo paese natale”.

Le dichiarazioni di Ojea sono arrivate dopo alcune speculazioni avanzate da settori di politica e media su un presunto ruolo di Bergoglio nella ormai avviata campagna elettorale per le presidenziali del 27 ottobre. Congetture fermamente smentite dal vescovo argentino.

“Dipingere il papa come sostenitore di una parte politica con rappresentazione assolutamente non veritiera è stile tipico di alcuni media, e cerca di metterlo in contraddizione”, conclude Ojea.

“Eva Perón beata”. Dall’Argentina l’azzardata richiesta alla Chiesa