risultati elezioni in argentina 2019 presidenziali macri fernandez

Risultati elezioni Argentina 2019: presidente e vicepresidente


Risultati elezioni in Argentina 2019 – Il voto del 27 ottobre partiva dal risultato dirompente delle primarie dell’11 agosto. Il 49,49 per cento delle preferenze era andato al Frente de todos del candidato peronista Alberto Fernández (accompagnato come vice dalla ex presidente Cristina Fernández de Kirchner), contro il 32,93 per cento di Juntos por el cambio, lo schieramento di Mauricio Macri e una parte del peronismo moderato rappresentato dal candidato alla vicepresidenza, Miguel Ángel Pichetto.

risultati elezioni in argentina 2019 presidenziali macri fernandez


Da quel momento i sondaggi hanno dato sempre avanti Fernández, in alcuni casi con un distacco anche superiore al 20 per cento. Il sistema elettorale argentino prevede la vittoria al primo turno se un candidato alla presidenza raggiunge il 45 per cento dei voti validi o il 40 con un distacco di almeno dieci punti dal secondo.

Gli elettori argentini sono stati chiamati ai seggi per eleggere il presidente, il vicepresidente, 24 dei 72 senatori e 130 dei 257 deputati nazionali. Di enorme valore politico anche il rinnovo del governatore della provincia di Buenos Aires, la più popolosa, e quello della città autonoma di Buenos Aires- Eentrambi espressione del macrismo, quest’ultimo, però, conserva solo la capitale, cedendo la provincia ai peronisti con Axel Kicillof, ex ministro di Cristina.

Nelle ultime settimane la campagna elettorale di Mauricio Macri si era fatta intensa, fino alla grande partecipazione alla manifestazione finale di piazza che, sabato 19 ottobre, nel centro di Buenos Aires ha portato 320mila persone. “Sí, se puede”, lo slogan macrista invitava a realizzare ogni sforzo possibile per ribaltare un esito dato per scontato. Obiettivo: il ballottaggio.

risultati elezioni in argentina 2019 presidenziali macri fernandez


Risultati elezioni in Argentina 2019

Alta la partecipazione al voto, superiore all’80 per cento dei 33.841.837 di argentini chiamati alle urne, e al 76,4 per cento delle primarie. Nel 2015 aveva votato l’81,1 per cento degli aventi diritto. Alti anche i numeri del voto all’estero dei 385mila argentini residenti oltre confine, numeri che però non possono risultare detereminanti, almeno in questa occasione.

risultati elezioni in argentina 2019 presidenziali macri fernandez


Da queste elezioni è stato introdotto il voto per corrispondenza, scelto tuttavia da una esigua minoranza. Lunghe le code in alcune capitali, soprattutto Madrid, Londra e presso i consolati negli Stati Uniti, nonostante la non obbligatorietà del voto per gli argentini residenti all’estero. Grande la partecipazione anche presso il consolato generale a Roma che contava 6.875 persone registrate per il voto.



Il governo e la commissione elettorale nazionale hanno preso la decisione di cominciare a diffondere i dati dalla concorrenza del 10 per cento dei voti scrutinati nei quattro principali distretti, con il numero più alto di aventi diritto: le province di Buenos Aires, Córdoba, Santa Fe e la capitale.

Le prime suggestioni sono arrivate dagli exit poll realizzati con l’app Fiscalizando. Alle 19.15 ora argentina, quindi a poco più di un’ora dalla chiusura delle urne, Macri veniva dato avanti con il 45 per cento contro il 41 di Fernández. Si trattava, tuttavia, di 8.631 elettori interpellati. Dal comitato del Frente de todos assicuravano di superare anche il 53 per cento. Più cauti nel parlare di dati dal quartier generale di Juntos por el cambio.

risultati elezioni in argentina 2019 presidenziali macri fernandez

Dalle 21 ora argentina i primi dati, quelli ufficiali. Con più del 92,92 per cento delle sezioni scrutinate, la direzione elettorale nazionale ha cominciato a pubblicare i primi dati. Alberto Fernández è in testa con il 48,10 per cento di voti contro il 40,38 di Macri. Quindi una differenza molto più ridotta rispetto alle aspettative e alla totalità dei sondaggi. Macri, difatti, ha inteecettato due milioni di voti in più rispetto alle primarie. Poco più del 6 per cento va a Roberto Lavagna, con gli altri tre candidati tra l’1,5 e il 2,1 per cento.

In caso di conferma di questo trend, con Fernández sopra il 45 per cento, quest’ultimo è il nuovo presidente dell’Argentina, con Cristina Fernández de Kirchner vicepresidente della nazione.

Risultati elezioni in Argentina – Presidente

Spoglio al 97,92 per cento – voti 26.595.460 – bianche 399.751

Alberto Fernández – voti 12.473.709 – 48,10%
*Eletto al primo turno

Mauricio Macri – voti 10.470.607 – 40,38%

Roberto Lavagna – voti 1.599.707 – 6,17%

Nicolás del Caño – voti 561.214 – 2,16%

Juan José Gómez Centurión – voti 443.507 – 1,71%

José Luis Espert – voti 382.820 – 1,48%

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO

Elezioni in Argentina: la “diversa” politica estera di Alberto Fernández

Elezioni Argentina: da Alfonsín a Macri, gli 8 voti per la Casa Rosada dal ritorno alla democrazia