Anche l’Argentina, finora low profile sulla situazione in Venezuela, punta il dito contro il governo autoritario guidato da Nicolás Maduro. L’occasione è un nuovo rapporto dell’Alto commissariato Onu per i diritti umani, presentato da Michelle Bachelet che ne è alla guida. Per il tramite del rappresentante presso le Nazioni Unite a Ginevra, Federico Villegas, il governo di Buenos Aires ha manifestato la sua preoccupazione per la violazione dei diritti umani in Venezuela.

venezuela argentina diritti umani elezioni libere

Il caso è quello documentato da Bachelet sui ripetuti e gravi abusi e violenza ai danni dei lavoratori di una zona mineraria dell’Orinoco, l’Arco minero del Orinoco. Finora sono stati accertati 149 morti dal 2016. Secondo il rapporto, i lavoratori delle miniere “sono intrappolati in un contesto generalizzato di sfruttamento e alto livello di violenza” da parte di gruppi criminali che controllano gli impianti. E questo avviene nonostante “la considerevole presenza di forze militari e di sicurezza nella regione”. Una situazione davanti alla quale, viene spiegato, le autorità di Caracas risultano inerti.


venezuela argentina diritti umani elezioni libere

Il diplomatico argentino ha manifestato “profonda preoccupazione” per la situazione dei diritti umani in Venezuela e per la “grave crisi politica, economica e umanitaria”. Pur osservando che la crisi “si è aggravata per le nuove sanzioni economico-finanziarie e per la pandemia”, Villegas sottolinea che “solo l’ordine costituzionale, la democrazia e lo stato di diritto potranno garantire il pieno rispetto e l’esercizio di tutti i diritti umani in Venezuela”.


L’Argentina “fa suo il recente appello dell’alto commissario a favore di un negoziato politico inclusivo basato su diritti umani e restituzione dei diritti politici”. Il chiaro riferimento è alla condizione in cui sono costrette a operare politicamente i settori dell’opposizione al chavismo. È per questo che, ritenendo non idonee a tal fine l’isolamento e le sanzioni, Buenos Aires chiede “elezioni inclusive, trasparenti e credibili” in Venezuela. E che il paese caraibico “collabori con l’organismo Onu”.

Tomás Ferrari lascia l’ambasciata argentina a Roma. Attesa nomina politica

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE