argentina lessico argentino parole che boludo pibe re quilombo viste

Lessico argentino: 10 parole (fondamentali) da imparare


Di termini, espressioni, modi di dire l’Argentina è piena e non può che essere così anche considerando la mescolanza etnica che compone la società del paese. Alcune parole, tuttavia, risultano ricorrenti nel lessico argentino. Questa è una ‘top ten’, in ordine casuale, elaborata dal portale La pagina del español, di quelle la cui comprensione può essere definita ‘fondamentale’.

argentina lessico argentino parole che boludo pibe re quilombo viste


Che – ‘Che’ è la base, la più comune nel lessico argentino: è difficile parlare con un argentino e non sentirgliela pronunciare. Si tratta di una interiezione che può avere vai significati. La si può usare all’inizio o alla fine di una frase. Per esempio “Che, vamos a tomar algo!” oppure “Vamos a tomar algo, che!” che possiamo tradurre in “Hey, andiamo a bere qualcosa”, “Amico, andiamo a bere qualcosa”. ‘Che’ è anche un modo per attirare l’attenzione che può corrispondere a “Hey!”, ma è inoltre usata per esprimere stupore, sorpresa.

argentina lessico argentino parole che boludo pibe re quilombo viste


Re – Non è una parola ma un prefisso che, per dirla così, sta bene su tutto. Il suo uso in Argentina è imprescindibile. Ha la stessa finalità di ‘muy’, quella di intensificare la parola alla quale viene abbinato. “Che, estás reviejo!”, “Este asado está rebueno!”.

Quilombo – Se originariamente corrispondeva a un luogo di meretricio, oggi ha il significato di ‘macello’, situazione confusa e ingarbugliata, caos. “Qué quilombo”, “Che disastro, che caos”. Nel lessico ‘da WhatsApp’ viene spesso scritto ‘kilombo’.

argentina lessico argentino parole che boludo pibe re quilombo viste


Boludo – Il suo significato è quello di tonto, stupido e talvolta il termine è usato per indicare quelcosa di può forte. Tuttavia, può anche essere usato per manifestare affetto. Per esempio, parlando con un amico per dargli un consiglio: “Haceme caso, boludo”.

Pibe – Può essere considerato un sostituto di muchacho, niño o joven. “Había muchos pibes”, per esempio, c’erano tanti ragazzi. Anche in questo caso c’è un uso affettuoso, come quando si sente dire “Dale, pibe, tenemos mucho que hacer”.

argentina lessico argentino parole che boludo pibe re quilombo viste


Viste – Se corrisponde alla seconda persona del passato remoto del verbo ver, vedere, in Argentina il termine ‘viste’ è molto usato alla fine di una frase. È molto simile a quel “¿sabés?” utilizzato da altri ispanofoni. Esempio: “Al final no pude ir, viste?”.

Dale – È un modo per animare qualcuno, ma anche una forma di consenso, molto simile al ‘vale’ degli spagnoli. “Dale, no seas tan aburrido”, “Su, non essere noioso”. Nel secondo caso, “Nos vemos a las 8?” – “Dale”.

argentina modi di dire parole che boludo pibe re quilombo viste


Bancar – È un verbo che può essere utilizzato nel senso di dare sostegno a qualcuno: “Tranquilo, decile lo que pensás que yo te banco oppure come sostituto di ‘aguantar’, manifestare la disponibilità, forza, capacità di sopportare qualcuno o qualcosa: “Esta película es horrible, pero me la banco”.

Fiaca – Anche in questo caso, doppio significato. Come sostantivo corrisponde a pigrizia, ozio, a ‘desgana’ e ‘pereza’ del castigliano. Ma è usato anche come aggettivo: “Sos un fiaca!”, “Sei un pigrone”.

Boliche – In Argentina non esistono la discoteca esiste il boliche. Boliche è un termine usato per indicare discoteche, locali da ballo come disco-bar.

“Sos vos?”. El ‘voseo’: perché in Argentina si usa il ‘vos’