Arriva la tassa di soggiorno a carico dei turisti stranieri che visitano la città. La decisione dell’organo legislativo della città autonoma prevede la creazione di Visit Buenos Aires, ente di promozione turistica della capitale argentina che avrà proprio nella tassa la sua fonte di finanziamento.

buenos aires tassa di soggiorno stranieri turismo


Nella discussione precedente all’adozione del provvedimento è stato sottolineata l’enorme capacità di Buenos Aires nell’attrazione del turismo straniero. Ragionamento fondato sulle statistiche che indicano in aumento crescente il turismo straniero in Argentina e nella sua capitale. A tal fine, l’idea è quella di creare una sorta di ‘marchio’ di una città che ha un potenziale enorme.


buenos aires tassa di soggiorno stranieri turismo


L’esempio proposto è quello di grandi città a vocazione turistica come New York o Barcellona. Quest’ultima, viene sottolineato, non ha mai smesso di investire nel turismo arrivando a quintuplicare gli arrivi negli ultimi anni. Grazie, si aggiunge, alla continua promozione turistica in tutto il mondo che, nel caso di Buenos Aires, avrebbe al centro la nuova creatura Visit Buenos Aires.


buenos aires tassa di soggiorno stranieri turismo


Il principio, dunque, non può non essere valido per la capitale argentina che è stabilmente la città più visitata del Sudamerica e la seconda dell’intera America Latina. Tuttavia, ragionando a livello globale, Buenos Aires ospita solo lo 0,3 per cento del turismo internazionale, secondo recenti dati di Euromonitor.

La tassa di soggiorno istituita è chiaramente personale e va corrisposta sopra i 12 anni di età. L’importo è collegato al rango della struttrura ricettiva scelta. Si parte da 50 centesimi di dollaro al giorno per gli hotel a tre stelle, per salire a un dollaro se le stelle sono quattro e 1,50 dollari per le strutture a cinque stelle. Mezzo dollaro per gli apart-hotel e un dollaro per gli hotel-boutique.



Prevista anche la tassa di soggiorno di 0,75 dollari per chi si affida agli affiti temporanei come Airbnb e di un dollaro per i crocieristi che sbarcano a Buenos Aires. La stima del governo della capitale è di entrate pari a circa sei milioni di dollari annui.

Turisti italiani in crescita in Argentina: nel 2019 sono già 107mila

Buenos Aires tra le 20 città più belle del mondo: “Un vortice di colori”

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE