La lotta al coronavirus in Argentina si arricchisce di un nuovo divieto. Con Dnu, decreto di necessità e urgenza, pubblicato lunedì 3 agosto, è fatto divieto di intrattenere qualsiasi forma di riunione in tutto il paese. Il provvedimento è arrivato dopo gli ultimi numeri sulla diffusione del Covid-19 in Argentina (Coronavirus Argentina, nuova proroga della quarantena: quasi 5 mesi).

Dall’inizio della pandemia i morti hanno superato la cifra di 3.600 e quella dei 200mila contagiati. I pazienti ricoverati in terapia intensiva sono 1.122 a livello nazionale, mentre il livello di occupazione dei posti di terapia intensiva è del 55,5 nel paese e del 65,2 per cento nell’area metropolitana di Buenos Aires, che continua a essere l’epicentro dell’epidemia nel paese.


coronavirus in argentina divieto riunioni assembramenti quarantena

Il divieto riguarda riunioni familiari e sociali al di fuori del “gruppo di conviventi” fino al 16 agosto, la data finale dell’ultima fase di quarantena disposta dal governo nazionale. Secondo il comitato tecnico-scientifico che affianca il presidente, Alberto Fernández. l’aumento di casi accertati quotidianamente nelle ultime settimane dipende proprio da comportamenti scorretti e irresponsabili tra cui, appunto, riunioni, feste, occasioni conviviali che sono lo strumento principale di trasmissione del virus. Il tutto nonostante i ripetuti appelli a evitare comportamenti a rischio.


Il decreto, tra le altre prescrizioni, vieta la realizzazione di eventi culturali, ricreativi e religiosi in luoghi pubblici o privati con presenza superiore alle dieci persone. Gli stessi, viene spiegato, possono avere luogo in luoghi aperti purché si rispetti strettamente il protocollo che impone distanze tra persone non inferiori a due metri e in ambienti con adeguata aerazione.

Sono altresì vietate riunioni sociali e familiari in luoghi chiusi e presso domicili privati indipendentemente dal numero di partecipanti. Unica eccezione, ovviamente, riguarda il nucleo familiare convivente. A presidio dei divieti, precise norme del codice penale.

coronavirus in argentina divieto riunioni assembramenti quarantena

Resta consentito l’uso di mezzi del trasporto pubblico, seppure limitatamente ai lavoratori che rientrano nelle attività essenziali non ‘bandite’ dalle misure di contenimento del virus. E, a tal fine, si rinnovano gli appelli delle autorità, a qualsiasi livello, alla responsabilità individuale, unica vera arma nelle mani della popolazione per evitare l’ulteriore peggioramento della situazione sanitaria nel paese.

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE