Una seconda ondata di coronavirus in Argentina? Secondo gli esperti “non c’è ragione che non accada quello che è già successo in Europa, come in Italia e in Francia”. È la previsione di Tommás Orduna, membro del comitato tecnico-scientifico che affianca il governo nella gestione della pandemia.

coronavirus in argentina seconda ondata autunno vaccini

Il coronavirus in Argentina ha superato la cifra dei 2,2 milioni di casi, risultando il dodicesimo paese al mondo e il terzo nella regione sudamericana dopo Brasile e Colombia. I morti per Covid sono finora 54.036. Il contagio nel paese è in una situazione pressoché stabile tra i seimila e settemila nuovi casi ogni 24 ore, mentre è ancora alto il dato dei decessi toccando anche i duecento.


Il quadro, aggiungono gli esperti, potrebbe verosimilmente cambiare, “complicandosi nei mesi di maggio e giugno” e la previsione di una seconda ondata di coroanvirus è “in autunno”. Come, del resto, accaduto nel Vecchio continente. La speranza è che si manifesti più tardi possibile, trovando una buona parte delle categorie a rischio già sottoposte alla vaccinazione.


Non è, tuttavia, una condizione scontata giacché anche l’Argentina comincia a fare i conti con forniture insufficienti, vicine all’esaurimento. Secondo i dati del ministero della Salute, aggiornati alla mattina del 17 marzo, sono 3.823.465 le dosi distribuite in tutto il paese con 2.668.103 dosi già inoculate.

coronavirus in argentina seconda ondata autunno vaccini

Ad avere ricevuto solo la prima dose sono 2.170.116 e solo 497.987 entrambe. Sollievo minimo quello che arriverà da Mosca nei prossimi giorni, con un carico di Sputnik V che potrebbe toccare le 500mila dosi. Tre milioni, invece, quelle di Sinopharm attese dalla Cina entro fine marzo.

In vista di una ripresa di vigore della pandemia, la principale preoccupazione è relativa alla diffusione delle varianti, a cominciare da quella brasiliana di Manaus. Timore che non nascondono le autorità della più popolosa provincia di Buenos Aires che, dall’arrivo del coronavirus in Argentina, è il distretto più colpito. Lì, nelle ultime tre settimane, c’è stato un lieve aumento dei casi: “Non è una situazione grave, ma è un’allerta”.

Covid, l’Argentina proroga stato d’emergenza sanitaria al 31 dicembre

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE