Se il ‘conto’ del coronavirus in Argentina è, alla mattina del 17 aprile, di 2.669 contagiati e 122 decessi, non è meno preoccupante la diffusione della febbre dengue, ultimamente un vero e proprio allarme anche nei centri urbani. I numeri del ministero della Salute, attraverso l’ultimo bollettino epidemiologico del 16 aprile, parlano chiaro: tra l’agosto del 2019 e la seconda settimana di aprile 2020 i casi di dengue confermati sono 14.237.

dengue in argentina casi zone buenos aires

Un ulteriore dato è quello delle aree del paese più colpite, che corrispondono alla città e provincia di Buenos Aires, oltre alle province di Salta, Jujuy e Chaco nel nord tradizionalmente più esposto al virus trasmesso dalla zanzara Aedes aegypti. Il fenomeno è in crescita, come viene sottolineato dalle autorità sanitarie argentine, presentandosi nella stagione 2019/2020 tra le sette e le otto volte superiore alle due precedenti.


La febbre dengue è un’infezione virale trasmessa da zanzare che causa una malattia simil-influenzale e, raramente, una forma grave che può essere mortale. Si trasmette attraverso la puntura di zanzare del genere Aedes (le stesse che trasmettono anche i virus chkungunya, Zika e febbre gialla). La puntura di zanzare infette causa una malattia simil-influenzale grave e, a volte, una complicanza potenzialmente letale chiamata dengue grave, precedentemente conosciuta come febbre emorragica dengue.


Normalmente la malattia dà luogo a febbre nell’arco di 5-6 giorni dalla puntura di zanzara, con temperature anche molto elevate. La febbre è accompagnata da mal di testa acuti, dolori attorno e dietro agli occhi, forti dolori muscolari e alle articolazioni, nausea e vomito, irritazioni della pelle che possono apparire sulla maggior parte del corpo dopo 3-4 giorni dall’insorgenza della febbre. I sintomi tipici sono spesso assenti nei bambini.

dengue in argentina casi zone buenos aires

Nelle ultime tre settimane, tra le zone dell’Argentina più colpite c’è la capitale (3.449 casi), la provincia di Buenos Aires (2.565), Santa Fe (967), Salta (744), Jujuy (713) e il Chaco (761) mentre sono alcune decine quelli in fase di accertamento diagnostico.

Ciò che viene fatto notare è, inoltre, che dei 14.237 casi accertati, solo 2.945 sono relativi a persone con viaggi recenti nelle aree più colpite, confermando la tendenza degli ultimi anni della circolazione ‘autoctona’ in zone del paese precedentemente ‘libere’.

dengue in argentina casi zone buenos aires

A ogni modo, il sierotipo più diffuso della dengue in Argentina è il Denv-1 per il 62 per cento dei casi, contro il 36 del Denv-4. Fino alla data del 4 aprile sono 25 i morti per dengue su tutto il territorio argentino, di sesso maschile nel 70 per cento dei casi.

Coronavirus, a Buenos Aires obbligo di coprirsi naso e bocca con metodi ‘fai da te’. Dpi solo per la sanità

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE