3 novembre 1966, Adolfo Mena González, un uomo d’affari uruguaiano, atterrava a La Paz, Bolivia. Nella sua suite con vista sulla cima innevata del monte Illimani immortalò la propria immagine allo specchio. Sovrappeso e invecchiato, il ritratto dell’uomo con il sigaro stretto tra le labbra era quello di Ernesto Che Guevara, il rivoluzionario argentino che contribuì a rovesciare il regime di Batista a Cuba, criticò gli Stati Uniti da un seggio delle Nazioni Unite, scrisse trattati sul marxismo e sulla guerriglia e sognò di esportare il socialismo nel mondo.

che guevara


Undici mesi dopo, il 9 ottobre 1967, il ‘Che’ veniva giustiziato nel villaggio di La Higuera con due raffiche di mitra da Mario Terán, un sergente ventisettenne dell’esercito boliviano. Il suo corpo, dopo essere stato trasportato da un elicottero nella vicina città di Vallegrande per essere esposto alla stampa mondiale, fu seppellito in una tomba senza nome. Sarà ritrovato solo trent’anni dopo.


che guevara


Sono passati 50 anni dalla sfortunata avventura dell’Eln in Bolivia e oggi, al contrario di allora, la comunità di La Higuera è molto riconoscente al Che Guevara. Il luogo della morte dell’eroe rivoluzionario è diventato meta di turismo e pellegrinaggi, il cui indotto garantisce la prosperità della cittadina (sono più di una dozzina gli ostelli sempre pieni che ospitano i curiosi).

“Se il Che non fosse venuto qui, nessuno di noi avrebbe un lavoro”, spiega un custode della scuola dove Che Guevara fu fucilato, oggi sacrario dedicato al rivoluzionario. È presente anche una fiorente attività di visite guidate in cui i curiosi vengono accompagnati a ripercorrere gli ultimi momenti del Che, dalla fucilazione al lavatoio dove il corpo fu esposto, fino al luogo della sepoltura.



Nella giornata di oggi, in ricordo di quel 9 ottobre, sono arrivati a La Higuera e a Vallegrande più di diecimila persone tra turisti, attivisti, leader regionali, funzionari cubani e i figli del Che. L’evento ha tutte le caratteristiche di un festival: sono stati allestiti dei tendoni sulla pista di atterraggio militare abbandonata, sono stati eseguiti lavori di restauro su un centro sociale costruito in onore di Che Guevara e sono state potenziate anche le linee delle forniture elettriche di La Higuera.


Tuttavia, il 51esimo anniversario della morte vede gli eredi del Che versare in una situazione politicamente sfavorevole. La popolazione del Sud America sembra preferire governi di centrodestra o di destra, come in Argentina, Cile, Brasile, Perù e Paraguay. Anche il percorso di lotta armata per il socialismo scelto da Ernesto ‘Che’ Guevara è ormai abbandonato.


Dopo 53 anni di lotta armata (e altre attività anche meno nobili) anche la più grande forza ribelle della regione, le Farc colombiane, ha deposto le armi all’inizio dell’anno.

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE