Continuano gli importanti ritrovamenti preistorici nella Patagonia argentina. I paleontologi albicelesti hanno annunciato la scoperta del titanosauro più antico del mondo. Con i suoi 20 metri di lunghezza e una datazione di 140 milioni di anni, quello che è stato battezzato Ninjatitan zapatai è l’esemplare più antico del suo gruppo. Secondo gli addetti ai lavori è un’altra conferma dell’inizio di quella specie agli albori del periodo Cretacico.

Ninjatitan zapatai titanosauro più antico mondo scoperto patagonia argentina

La scoperta del Ninjatitan zapatai risale al 2014 nella formazione geologica di Bajada Colorada, nella parte sud-est della provincia di Neuquén, ma ci sono voluti diversi anni per approfondirne gli elementi e pubblicarne i risultati sulla rivista argentina di paleontologia Ameghiniana.


Il nome Ninjatitan zapatai è dedicato a Rogelio Zapata, membro del museo di Villa El Chocón dalla metà degli anni Novanta e in prima linea in tutti i lavori di ricerca a Bajada Colorada dal 2010.


L’Argentina si conferma ancora una volta una eccezionale terra di giganti. Il Ninjatitan è legato al gruppo dei sauropodi noti come titanosauri e nel paese sono diversi gli esemplari finora venuti alla luce, come l’Argentinosaurus ritrovato in Neuquén, il Patagotitan nel Chubut e il Notocolossus a Mendoza.

Ninjatitan zapatai titanosauro più antico mondo scoperto patagonia argentina
L’area di Bsajada Colorada

Come illustrato dal centro di informazione scientifica dell’università de La Matanza, finora non erano noti esemplari più antichi dei 120 milioni di anni. Pertanto, sottolineano, “la scoperta di Ninjatitan zapatai ha una enorme rilevanza per la conoscenza della storia evolutiva di questo gruppo e del primo Cretacico”. Quindi non solo l’importanza di una nuova specie di titanosauro, ma anche il più antico del mondo.

La scoperta del Ninjatitan è molto importante anche per la conoscenza della storia evolutiva dei sauropodi giacché le evidenze fossili del primo Cretacico, 140 milioni di anni fa, sono scarse in tutto il mondo. I paleontologi oggi dispongono di tre vertebre e parti delle zampe posteriori.

Trovati nella Patagonia argentina resti del dinosauro “forse più grande della storia”

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE