Nuovo allarme dell’Unicef sulla povertà infantile in Argentina. Secondo l’ultima previsione della sezione locale dell’agenzia Onu per l’infanzia, il 2020 si chiuderà con un peggioramento della situazione. La percentuale, scrivono, salirebbe al dato choc del 62,9 per cento: tra il dicembre del 2019 e lo stesso mese del 2020, difatti, si parla di altri 1,3 milioni di bambini colpiti da condizioni di disagio.

povertà infantile in argentina dati unicef 2020

L’Unicef Argentina basa la sua analisi sui dati ufficiali dell’Indec, l’istituto nazionale di statistica, e sulle prospettive del prodotto interno lordo elaborate dal Fondo monetario internazionale. E tira le somme avvertendo che dal 58,6 per cento di povertà infantile in Argentina si arriverà a sfiorare il 63 alla fine dell’anno in corso.


A pesare (anche) sull’infanzia è la recessione che ormai rallenta il paese da quasi due anni, l’inflazione e l’emergenza sanitaria che ha ulteriormente rallentato l’economia del paese. E neanche l’allentamento delle misure anti pandemia sembrano migliorare, almeno finora, la situazione.


Secondo l’Unicef Argentina, difatti, “nonostante la riapertura delle attività, della flessibilizzazione della quarantena in parte del paese e i programmi di assistenza predisposti, ci sono 2,6 milioni di famiglie con reddito da lavoro ridotto”. Di qui alla necessità “di raddoppiare gli sforzi affinché nessuna famiglia in condizioni di vulnerabilità si ritrovi priva dei benefici dei piani di assistenza sociale”.

Se “il coronavirus danneggia la vita dei bambini di tutte le classi sociali, l’impatto è di gran lunga maggiore nelle famiglie più povere”, spiega l’Unicef. Aggiungendo che il 15 per cento delle famiglie monitorate è stato costretto a ricorrere a forme di prestito anche per l’acquisto di generi alimentari. E, contestualmente, salgono dall’8 al 10 per cento le famiglie che si sono rivolte alle mense popolari per assicurarsi i pasti necessari.

I più ricchi d’Argentina: ancora Bulgheroni, perdono i Rocca. Macri 20esimo


Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE