La Patagonia argentina riserve sempre grandi sorprese, anche fuori dai ‘grandi classici’ del turismo nella sterminata regione meridionale del paese. Uno di questi casi è la Isla Victoria, la più grande isola lacustre, che al visitatore offre una interessante biodiversità.

patagonia argentina bariloche lago nahuel huapi isla victoria

La Isla Victoria si trova nel lago Nahuel Huapi che bagna le province di Río Negro e Neuquén, cuore della Patagonia turistica, ed è una affascinante zona di sviluppo sostenibile. Si estende su 3.710 ettari, venti chilometri la tagliano da nord a sud per una larghezza che varia da uno a quattro chilometri toccando il minimo di 200 metri sull’istmo. Il suo rilievo più alto, il Cerro Quemado, tocca i 1.030 metri.

In diverse grotte dell’isola sono presenti pitture rupesti ben conservate, testimonianza di antichissime comunità indigene che l’hanno abitata. Ma la principale attrazione della Isla Victoria è la sua natura incontaminata e protetta. Dal 1934 è difatti sottoposta alla competenza dell’amministrazione dei parchi nazionali, che ha riservato al turismo la sola parte centrale.


È costituita dall’istmo e dalle sue adiacenze e lì è permesso il turismo con diversi divieti come quello di fumare, fare camping e sport a motore. Nella riserva naturale silvestre, divisa tra nord e sud dell’isola è consentito l’ingresso a soli piccoli gruppi guidati e unicamente percorrendo i sentieri autorizzati. La terza area dell’Isla Victoria è la riserva naturale ‘stretta’, all’estremo nord. L’ingresso è consentito solo previa autorizzazione e confinalità di ricerca scientifica.

patagonia argentina bariloche lago nahuel huapi isla victoria

Flora e fauna rappresentano il fiore all’occhiello dell’isola lacustre con, tra gli altri, importanti boschi di pini e conifere. Particolarmente rilevante è il centro forestale e merita una visita. Si concentra in tre ettari nella parte centrale dell’Isla Victoria e contiene più di 120 specie di alberi di tutti i continenti comprese sequoie che superano i cinquanta metri. È a tutti gli effetti un piccolo laboratorio dove si studiano e conservano semi di specie autoctone.

patagonia argentina bariloche lago nahuel huapi isla victoria

Anche la conformazione dell’isola aggiunge bellezza ai luoghi e agli occhi del visitatore, tra valli, lagune e paludi e ruscelli la cui portata dipende dalle stagioni. Si alternano spiagge di sabbia vulcanica e rive rocciose con grandi scogliere, ma anche spiagge silenziose come perfetto luogo di relax e contemplazione della natura. Di rilievo, tra le altre insenature naturali, le baie Anchorena e Totoras.

All’Isla Victoria si arriva partendo con piccole imbarcazioni dai porti lacustri di Villa La Angostura e Puerto Pañuelo. E la navigazione è piacevole, data la calma del settore nord del lago Nahuel Huapi (Villa La Angostura, l’angolo vip della Patagonia argentina).

Anche l’Argentina ha il suo Loch Ness. Nahuelito, il mostro del lago della Patagonia

Patagonia argentina patrimonio dell’umanità: i 4 siti Unesco della regione

Loading...

TI POTREBBERO INTERESSARE